Domenica 16 Novembre 2014 06:16

In mostra i 150 anni della Croce Rossa italiana

Scritto da  Administrator
Valuta questo articolo
(0 Voti)

Dall'ambulanza S9 Bianchi che trasportò Benito Mussolini in fuga da Roma, all'omologo Lince VM90 usato in Afghanistan. Oltre alla ricostruzione di un ospedale da campo della I Guerra mondiale e a 120 pannelli fotografici, uomini in divise storiche dell'epoca e 13 ambulanze, tra cui quelle antiche, trainate dai cavalli. E' la mostra 'Soccorso umanitario ed evoluzione dell'arte sanitaria. Il Corpo Militare della Croce Rossa italiana dal 1866 ad oggi', inaugurata oggi e aperta gratuitamente al pubblico da domani fino al 23 novembre al Complesso Monumentale Santo Spirito in Sassia a Roma.

Passato e presente del Corpo militare della Croce Rossa è raccontato nel percorso che si snoda all'interno del Complesso monumentale che accoglie anche l'Accademia di Storia dell'arte sanitaria.

"Abbiamo portato qui alcune ambulanze ippotrainate e a mano trainate, pezzi originali e ultimi esemplari che hanno 150 anni di vita - racconta all'Adnkronos Salute Roberto Orchi, colonnello della Cri e curatore della mostra - Arriviamo poi anche alle ultime e moderne ambulanze blindate usate in teatri di guerra. Nel percorso storico c'e' poi una ricostruzione di una medicheria della I Guerra mondiale attrezzata per gli interventi di chirurgia d'emergenza e per salvare gli arti ai soldati colpiti. Poi - aggiunge - abbiamo allestito un posto medico avanzato che usiamo oggi durante le emergenze in cui la Cri e' protagonista, dotato di tutte le più moderne tecnologie per il soccorso d'emergenza".

"Siamo felici di ospitare la mostra - spiega Angelo Tanese, direttore generale dell'Asl Roma E - il Complesso monumentale Santo Spirito in Sassia un luogo ricco di storia e anche grazie a questo evento potrà essere visitato da tante persone. Il nostro obiettivo e' rilanciare nei prossimi mesi questo patrimonio e l'Accademia Lancisiana che quest'anno festeggia il trecentesimo anno di vita". Ad inaugurare la mostra oltre a Tanese anche Domenico Rossi, sottosegretario alla Difesa: "Siamo di fronte ad un cocktail: di valori e concretezza, fondamenti della missione sanitaria del Corpo Militare della Croce Rossa. Dal 1866 al 2014 e' il tempo raccontato dalla mostra - osserva Rossi - significa che siamo in presenza di un corpo che e' ancora sulla cresta dell'onda".

fonte Adkronos